Recensione libro: Il quadro mai dipinto

2' di lettura
01/12/2019
Scheda libro
Titolo: Il quadro mai dipintoAutore: Massimo Bisotti
Prima pub.:2014N. Pagine: 221
Genere: NarrativaSottogenere:
Lingua originale: ItalianoFormati disponibili: Cartaceo,Ebook

Quanto coraggio è necessario per abbandonare tutto e ripartire da zero? Quanta vita dobbiamo far scorrere via per crearne una nuova? L'arte è il mezzo attraverso il quale poter vedere il mondo con nuovi occhi. Patrick questo lo sa bene. 

Lui, che insegna ogni giorno la magia dell'arte, decide di abbandonare Roma per crearsi una nuova vita a Venezia. Ma, quando si è pronti a lasciarsi alle spalle un mondo, i ricordi riaffiorano vividi e, farli tornare in auge è necessario. Patrick, che come ultime parole ha voluto  dire ai suoi allievi di "Credere sempre nelle emozioni, credere nell'amore, senza avere paura di sbagliare, perché a volte sono proprio gli errori a portarci alla felicità", ha un conto in sospeso con se stesso : il quadro incompleto che ritrae la figura di una donna. Quando si reca in soffitta per ammirarlo un'ultima volta, la donna è scomparsa. 

Sarà il destino, il caso o la fortuna che proprio nella magia di Venezia, Patrick incontrerà la donna del suo quadro : Raquel. È proprio vero che “ci sono tramonti che non tramontano mai". Vivere una nuova vita significa sperimentarne il senso stesso e lasciarsi guidare inesorabilmente dalle sensazioni. Non esistono emozioni giuste o sbagliate, semplicemente alcune sono superflue, altre essenziali. E, come Massimo Bisotti ci ricorda, "la sostanziale differenza fra il superfluo e l’essenziale è che il superfluo passa e si cancella, mentre l’essenziale rimane e si ripresenta davanti anche le volte che proviamo a lasciarlo indietro.” 

Attraverso la figura di Patrick e le sue avventure possiamo ritrovare il coraggio che spesso non abbiamo di cambiare, pur consapevoli della mole di esperienza che dietro ci portiamo. È un libro vivo e saggio, di una saggezza che ci mostra come tutti siamo in grado di amare senza mai tramontare e, soprattutto, di essere felici, perché la felicità “spacca le regole, corre il rischio di perdere tutto e se si perde riparte da zero e ritrova la strada. La felicità è coraggio al quadrato. Produzione propria e naturale d’anima.

La felicità spacca le regole, corre il rischio di perdere tutto e se si perde riparte da zero e ritrova la strada. La felicità è coraggio al quadrato. Produzione propria e naturale d’anima.
Massimo Bisotti

Il messaggio nascosto di questo libro è l'augurio più grande per tutti gli uomini che non smettono mai di costruire un senso alla propria vita, sebbene, spesso, è proprio la mancanza di senso a renderla magica. È quello di credere sempre nelle emozioni, di rendere magica e magici tutti i nostri eventi, senza aver paura di lasciarli andare. È proprio la pienezza interiore che ci rende liberi dalle regole!

Pro e Contro


Fluido
Scorrevole
Emozionante
Metaforicamente suggestivo
A tratti la storia è poco reale e coinvolgente